Ricetta Casalinga del liquore di Mirto Sardo

Ricetta Casalinga del liquore di Mirto Sardo.

Un caro saluto a tutti, oggi voglio condividere con voi la Ricetta Casalinga del Liquore di Mirto Sardo tramandata dai miei nonni paterni di Santadi nel Sulcis Iglesiente.

In Sardegna si trovano in abbondanza le bacche di Mirto, molte famiglie preparano in casa una bella scorta del Tipico Liquore. Di seguito alcuni accorgimenti per personalizzarlo a proprio piacimento.

Grazie al nostro servizio potete anche acquistare o prenotare le Bacche e gli strumenti per realizzarlo. Inoltre potete decidere di fare un regalo speciale a familiari o amici lontani. 
Con il KIT tutto compreso, di Bacche, Alcool e Torchietto. Che trovate in fondo alla ricetta, otterrete uno sconto ulteriore.

Ecco gli ingredienti e il procedimento per ricavare circa 3 litri di mirto

INGREDIENTI:

 

PREPARAZIONE

Di seguito il procedimento della nostra ricetta casalinga del liquore di Mirto Sardo:

  • Procuratevi uno o più contenitori in vetro con chiusura ermetica in modo da contenere tutte le bacche.
  • Pulite le bacche di mirto da rametti ed eventuali residui e lasciatele appassire 2-3 giorni.
  • Riempite il boccione con le bacche senza pressarle, lasciando 2-3 cm dal bordo.
  • Versate l’alcool fino a coprire completamente tutte le bacche. Chiudete bene e conservate in un luogo buio a macerare per 40/50 giorni.

IMPORTANTE:

Mirto_Artigianale

Mirto in macerazione

  • Ogni settimana controllate il livello dell’alcool se non copre tutte le bacche dovete aggiungerne poi mescolate un po senza esagerare.
  • Finito il periodo di macerazione travasate l’estratto di mirto in un altro boccione, potete farlo mettendo sul boccione vuoto un imbuto e versare utilizzando un colino, utile sia per effettuare un primo filtraggio sia per scolare bene le bacche dall’essenza liquida, quindi mettete le bacche macerate da parte in un contenitore.
  • Spremendo e torchiando le bacche (potete usare un panno in cotone) si può recuperare un’ulteriore quantitativo di estratto che potete aggiungere all’altro, meglio dopo aver filtrato, dovete fare attenzione a non forzare troppo la torchiatura per evitare di ottenere un liquore ad alta tannicità, volendo potete anche dividere le due essenze e creare 2 differenti tipologie di liquore.
  • Se volete potete filtrare tutta l’essenza con filtri in carta, colino fitto o un panno di cotone (a seconda dei gusti).
  • Poi bisogna fare lo sciroppo di acqua e zucchero quindi in un tegame mettete l’acqua ancora fredda e versateci lo zucchero mescolando bene, consigliamo 1,5 litri di acqua ma dipende dalla gradazione che volete ottenere, stesso discorso per lo zucchero a seconda della dolcezza che desiderate.
  • Mettete sul fuoco e mescolando bene portate e lasciate in ebollizione per circa 10 min.
  • Lasciare raffreddare nello stesso tegame.
  • Infine aggiungete lo sciroppo all’estratto di mirto dentro il boccione e mescolate bene il tutto, conservate al buio almeno per 15 giorni mescolando ogni 3-4 giorni per amalgamare bene, dopodichè potete travasare in bottiglie, meglio se scure, a seconda dei gusti, prima di imbottigliare potete filtrare un altra volta.

 

CONSIGLI UTILI per la vostra ricetta casalinga del liquore di Mirto Sardo :

Acquistando sul nostro negozio i prodotti disponibili per realizzare il Liquore di Mirto, riceverete la ricetta con tutti i consigli per realizzarle al meglio.

Volendo si può usare il miele al posto dello zucchero con la stessa quantità.

Fare attenzione alla torchiatura delle bacche zuppe di essenza, non esagerate con la forza, ideale usare torchietti appositi come quello disponibile sul nostro sito Torchietto premitutto CELMS.

Inoltre in commercio trovate una svariata scelta di bottiglie veramente carine e adatte a conservare il liquore, potrete così fare dei regalini molto originali, personalizzati e unici, potete anche farvi stampare delle etichette col nome e la foto, insomma tanto spazio per la fantasia, ad esempio come bomboniera di matrimonio potete utilizzare delle piccole bottiglie da 200cc in vetro o ceramica decorate, con un elegante etichetta con i ringraziamenti e la foto degli sposi.

Commentate per qualsiasi dubbio e con i vostri consigli. Buona ricetta a tutti! –Fabio Spada–

Di seguito i Prodotti disponibili per la preparazione di un ottimo Liquore di Mirto. Sono disponibili alla prenotazione e in OFFERTA anche i KIT completi con tutto il necessario per preparare il liquore di Mirto. Acquista e ricevi anche la nostra ricetta stampata con qualche consiglio EXTRA.
Vi consigliamo la prenotazione in quanto ogni anno non si sa con esattezza quante bacche saranno disponibili.

39 Commenti

  1. linuccio ledda

    Come si effettua il pagamento grazie

    Rispondi
    • Fabio

      Buona sera Sig. Ledda, per effettuare il pagamento deve selezionare la quantità dal menù a tendina, poi aggiungere il prodotto al carrello e completare la procedura di pagamento seguendo le istruzioni, se ha bisogno ci contatti al telefono per ricevere assistenza, 3938646118 Lun-ven dalle 9 alle 13 e dalle 17 alle 20, saluti. Fabio

      Rispondi
  2. roberto

    scusa ho messo delle bacche di mirto ma l’alcool non le ricopre comletamente, cosa succede se passano alcuni giorni senza coprirle? Comunque lo sto sempre girando. Grazie dell’aiuto

    Rispondi
    • Fabio

      Salve Roberto, non succede nulla, avrai un po meno resa. Facci sapere, grazie e buone feste.

      Rispondi
      • roberto

        grazie della risposta, avevo paura che mi andasse tutto a male o marcissero. Comunque lunedì aggiungerò quello che manca.

        Rispondi
      • Angela

        Salve! Volevo sapere se le bacche si possono tenere in alcool per svariati mesi (7/8) prima di essere usate per fare il liquore, io l’ho fatto ma ora mi viene il dubbio che possa essere nocivo o che vada tutto buttato via. Grazie in anticipo.

        Rispondi
  3. roberto

    buone feste anche a lei.

    Rispondi
  4. Federico

    Salve, ieri ho fatto il liquore in questione, a 350 ml di succo estratto dalla macerazione delle bacche in alcool 95% filtrata con colino fitto, ho aggiunto uno sciroppo fatto con 350 ml di acqua e 280g di zucchero. Ho lasciato la bottiglia in balcone e stamattina presentava una schiumetta grigio verde in superficie … cosa può essere????
    L’unica cosa che non ho fatto è filtrare prima di imbottigliare. Grazie 1000,

    Rispondi
    • Fabio

      Ciao Federico, non saprei, io metto subito al buio e controllo dopo una quindicina di giorni per aggiungere un po di alcool, mai notata la schiuma.

      Rispondi
  5. Gianni

    Buonasera. Come giustamente Lei ha detto, ad un certo punto del procedimento, occorre torchiare le bacche con l’apposito attrezzo. Mi domandavo se, al posto del torchio, sia possibile utilizzare un “estrattore” (non, ripeto non una centrifuga). Non voglio stravolgere una ricetta eccezionale, ma semplicemente impiegare un moderno congegno che, essendo a bassi giri, estrae al meglio il succo eliminando la parte secca.
    Grazie del suo pensiero……

    Rispondi
    • Fabio

      Salve Gianni, sinceramente non saprei, non ho mai utilizzato, comunque il problema non è tanto dividere il succo dalla parte secca, ma non portare al succo troppi tannini che incidono negativamente sulla bevibilità e gusto del liquore, i tannini si trovano in quantità maggiore nel succo all’interno delle bacche macerate non solo nella buccia. Grazie per il contatto

      Rispondi
  6. Cosetta

    Per Gianni, io ho usato l’estrattore l’anno scorso e ho buttato via tutto.. mi è spiaciuta tanto per l’estrattore ho fuso il motore… e il sapore legnoso dei semi del mirto mi ha rovinato il primo mirto…ma forse non sono stata io capace..

    Rispondi
    • Fabio

      Grazie per il contributo Cosetta. Fabio

      Rispondi
    • Carmela Amato

      Gentilmente vorrei sapere le dosi per 1 litro di estratto di mirto….cioè quanta acqua e zucchero aggiungere Grazie😘😘😘

      Rispondi
  7. Silvano Schirru

    Buona sera Fabio la ricetta per il mirto mi è sembrata semplice e chiara grazie ti farò sapere .

    Rispondi
    • Fabio

      Grazie mille Silvano!!

      Rispondi
  8. elvio

    Posso usare lo schiacciapatate al posto del torchio? grazie per la risposta

    Rispondi
    • Fabio

      Salve Elvio, non saprei mai provato, io cmq lo sconsiglio, meglio uno straccio pulito e pressare pian piano stringendo un’estremità.

      Rispondi
      • Alessandra

        Buongiorno! Io il primo anno, non avendo il torchietto, ho utilizzato lo schiacciapatate e anche se è stato un po’ laborioso, è venuto perfetto!

        Rispondi
    • Marco

      Salve,con mezzo litro di alcol quanto dobrebbe venire come quantitá finale?Considerando che ho 1,5kg di mirto ma vorrei adattarlo a mezzo litro di alcol

      Rispondi
      • Fabio

        Buongiorno, l’alcool deve coprire completamente le bacche, quindi servirà circa mezzo chilo di bacche, dovrebbe venire circa un litro, un litro e mezzo di mirto.

        Rispondi
  9. Rosa

    A me l’alcol non copre le bacche mettendo un kg di bacche e un litro di alcol come da ricetta, l’anno scorso mettendo più alcol e venuto troppo alcolico che faccio grazie per la risposta

    Rispondi
    • Fabio

      Salve, le bacche è meglio coprirle tutte, per farlo meno alcolico, se si ricorda quanto ne ha messo l’anno scorso, basta aggiungere un po più di sciroppo (acqua e zucchero).
      Saluti
      Fabio

      Rispondi
  10. Luca

    grande dubbio! le proporzioni sono da considerare dopo l’infusione? O meglio, secondo le proporzioni indicate, ho 2,5 litri di liquidi con 600 gr di zucchero. come arrivo a 3 litri finali ? Io forse faccio l’errore di unire 1 litro di alcool già infuso con 1,5 litri di acqua zuccherata ed ovviamente quest’ultima mi avanza sempre…perchè nel frattempo ha aumentato di volume con lo zucchero ma non arrivo mai a 3 litri totali sommati se unissi il tutto
    Spero di essere stato chiaro nel mio dubbio……..

    Rispondi
    • Fabio

      Salve Luca, 3 litri è una quantità approssimativa, credo che va benissimo come stai facendo.

      Rispondi
  11. marco

    Salve fabio

    un amico sardo mi ha dato questa ricetta :

    600 gr. di bacche di mirto
    600 gr. di zucchero
    1 lt di acqua
    1 lt di zucchero.

    me lo ha fatto assaggiare e l’ho trovato delizioso corrispondente ai miei gusti.
    Cortesemente mi dici cosa ne pensi di questa ricetta ?
    Grazie per la tua gentilezza
    Marco

    Rispondi
    • Donato

      Buongiorno.
      Sinceramente penso che le quantità indicate non siano ben proporzionate. Credo che 300 gr. di zucchero siano più che sufficienti (salvo l’uso di bacche con maturazione insufficiente) meglio 200 zucchero e 100 miele di castagno o corbezzolo. Ma la ricetta migliore è sempre quella che incontra i gusti personali quindi se piace dolce aumentare lo zucchrro se piace poco dolce diminuire. Se piace in pochino meno alcolico aumentare l’acqua. DEVE essere una interpretazione personale e non una imitazione.

      Rispondi
  12. Muntoni francesco

    Buona sera porrei sapere se fatte le spedizione al estero (luxembourg) grazie buona serata signor muntoni francesco

    Rispondi
    • Fabio

      Salve Francesco, certo, deve effettuare l’ordine, inserire una città italiana, aggiunga nelle note “spedizione per Lussemburgo”, scegliere pagamento con bonifico e poi le invieremo una mail con il totale esatto da pagare. Per ulteriori informazioni resto a disposizione.
      Saluti
      Fabio

      Rispondi
    • Angela

      Salve! Per conservare le bacche le ho lasciate in alcool per 7/8 mesi circa ma ora ho il dubbio di non poterle più utilizzare per fare il liquore o che possa essere nocivo. Saranno da buttare?

      Rispondi
  13. antonio vinci

    ciao sono antonio sto facendo il mirto con i frutti raccolti da me a varese penso di fare le dosi cosi: kg 1,800 di mirto lt 1.800 di alcol lt 3 di acqua kg 1.000 di zucchero g. 200 di miele di castagno cosa ne pensi?

    Rispondi
    • Fabio

      Si dovrebbe andare bene

      Rispondi
  14. Paolo

    E’ possibile avere la spedizione in fermo deposito e provvedo io al ritiro dal corriere , non essendo facilmente a casa per ragioni lavorative. Grazie.

    Rispondi
    • Fabio

      Salve, è possibile il fermo deposito presso un Ufficio Postale, per ulteriori informazioni resto a disposizione

      Rispondi
  15. Antonella

    Buongiorno, domanda forse banale…Le bacche dopo aver tolto rametti e residui vanno lavate? La ricetta non lo specifica. Grazie

    Rispondi
    • Fabio

      Buongiorno, una risciacquata veloce può andare bene.

      Rispondi
      • Marco

        Buonasera, ho seguito la ricetta qui riportata ma noto che dopo imbottigliato il liquore presenta degli addensamenti. Inoltre una sola delle bottiglie è stata riposta in congelatore e si è completamente ghiacciato. Premetto che non è la prima volta che lo preparo seguendo sempre le stesse proporzioni ma non ho mai avuto questi problemi. Cosa potrebbe essere successo? Grazie a tutti

        Rispondi
  16. Giuliana

    Buongiorno, le bacche spremute possono essere riutilizzate? Per es. le noci utilizzate per fare il nocino si possono fare macerare ancora nel vino bianco e si ottiene un vino di nocino poco alcolico. Grazie!!!

    Rispondi
    • Fabio

      Salve, non saprei, so che si utilizza per il distillato di mirto

      Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri i nostri prodotti

Spediamo in tutto il mondo
direttamente a casa tua
dalla nostra bottega

Nessun intermediario
ricevi un unico ordine senza dover attendere spedizioni da più fornitori differenti

0
WhatsApp chat