CASU MARZU – PERICOLOSO? ILLEGALE?

Su Casu Marzu è stato dichiarato illegale ed è proibita la commercializzazione. Per quale motivo? Fa male?

Il Casu Marzu è un prodotto alimentare della Sardegna caratterizzato dal suo particolare processo di formazione. Si tratta di formaggio pecorino o meglio caprino colonizzato dalle larve della mosca del formaggio che per tale motivo è conosciuta come mosca casearia (Piophila casei).

Il casu marzu è, in buona sostanza, un formaggio coi vermi. Tuttavia, “le norme tecniche emanate dall’Unione Europea non ne consentono più la produzione ed è proibita dalla legge la commercializzazione, perché in contrasto con le norme igieniche e sanitarie stabilite in sede comunitaria.

Guinnes dei Primati:

Addirittura nel 2009 appare nel libro dei guinnes dei primati con la nomina de “il formaggio più pericoloso del mondo”, perchè secondo loro le larve possono rimanere vive all’interno del corpo e danneggiare gli organi interni. Ma non si è mai visto neanche un caso del genere.

Casu_FoodAl contrario di quello che si vuol far credere è apprezzato da tantissime persone sia sarde che non. In questa foto vediamo un famosissimo giornalista americano che assaggia su Casu Marzu per un documentario sulle specialità sarde.

Come si Prepara:

In ambito familiare viene ancora ottenuto in modo naturale tramite la Piophila casei (conosciuta anche come mosca casearia). Un insetto dalle cui uova, deposte sulla forma di pecorino, nascono larve che traggono nutrimento cibandosi della forma stessa e sviluppandosi al suo interno.
Dopo la schiusa le larve trasformano con i loro enzimi la pasta casearia del pecorino in una morbida crema. Il periodo di maturazione dura da tre a sei mesi. Quando il formaggio è maturo e le larve sono notevolmente diminuite di numero. La forma viene aperta togliendo la parte superiore (su tappu). L’interno della forma si presenta composto da una crema omogenea di colore giallastro e dal sapore molto particolare e pungente.

Ricerca e Tutela:

Per poter salvaguardare questo prodotto la regione Sardegna lo ha inserito nell’elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani. Tale riconoscimento certifica che la produzione è codificata da oltre 25 anni così da poter richiedere una deroga rispetto alle normali norme igienico-sanitarie.

Nel 2005 alcuni allevatori sardi in collaborazione con la facoltà di Veterinaria dell’Università di Sassari. Per poter produrre questo formaggio legalmente e con le adeguate garanzie igieniche, hanno incaricato l’istituto di Entomologia agraria di Sassari di realizzare un allevamento di Piophila casei in ambiente controllato. Per poter ottenere il pieno controllo dell’intero processo produttivo.

Il Casu Marzu è inserito all’interno della banca dati dei Prodotti agroalimentari tradizionali italiani del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali. Rientra tra quelli che la Regione Sardegna vuole proteggere. Ed è stato richiesto all’Unione Europea il marchio DOP per tutelarne la denominazione d’origine Casu Marzu e salvaguardarlo dalla pirateria alimentare.

CHIEDI INFORMAZIONI SUL CASU MARTZU AI NOSTRI CONTATTI

Noi con le testimonianze e la condivisione possiamo fare pressione affinchè venga regolamentato una volta per tutte.
Stiamo raggiungendo tantissime persone AIUTACI ANCHE TU!!

Sul nostro negozio puoi acquistare vari Pecorini di Sardegna, clicca e visita il negozio, scopri informazioni, prezzi e offerte!

 

24 Commenti

  1. Gino Grigioni

    Ottimo! ma non lo mangio.

    Rispondi
    • Domenico

      L,ho assaggiato e devo dire che è ottimo

      Rispondi
    • Diego Pilato

      Chi mi conosce mi dice che “se viene una guerra non morirò di fame”. Giustamente lo dice non perché ho soldi, ma perché mangio di tutto. Bene andiamo al dunque, alla prima occasione assaggerò questa prelibatezza sarda, il Casu Marzu.

      Rispondi
  2. Nicola

    Tantissimi anni che mi sono trasferito ma quando mi capita di assaggiare non mi tiro indietro buonissimo peccato essere stato bandito

    Rispondi
    • Sergio Scala

      Non e buono e buonissimo

      Rispondi
  3. kenren

    Ma che schifo orco cane…

    Rispondi
    • massimo

      Buonissimo ma dal sapore pungente, non se ne riesce a mangiare molto. Il sapore è intesto e satura presto le papille

      Rispondi
    • Marco Puddu

      Una cosa buonissima per tutti i palati, sapore forte fa parte da millenni della nostra tradizione,l’Europa lo definisce mortale mq non è mai morto nessuno anzi per noi Sardi è simbolo di longevità, ma poi di formaggi simili ne esistono in tutte le nazioni con tradizioni agropastorali europee Grecia e Spagna comprese. Buonissimo.

      Rispondi
    • De Giorgi Francesco

      Sarà un caso ma la Regione Sardegna vanta tantissimi CENTENARI, quindi tanto mortale non mi pare.l’ho mangiato da bambino poi non ne ho avuto più occasione.ma visto che ho come acquisiti Cugini SARDI, me ne faro portare al ritorno dalle ferie. Tra maialini e.formaggi non svherxiamo con le.cose.serie.non li batte nessuno.ho mangiato il loro maialino arrosto alla fiera dei cavalli di Verona :.indimenticanilr.

      Rispondi
      • Rita Lanini

        Penso che ci sia nella cucina e nelle tradizioni di tutto il mondo cose assai peggiori e più schifose del nostro ottimo formaggio che non ha mai ammazzato nessuno e se tante persone che lo hanno mangiato per anni ed hanno raggiunto età considerevoli significa che non è così velenoso tanto da essere bandito dalle tavole, trovo più schifosa mangiare cani e gatti oltre che per un fatto di sensibilità che in molti non posseggono, ma anche perché forse non è troppo naturale cibarsi di rane, pipistrelli insetti e chi più ne ha ne metta certo è che il formaggio sardo non può essere considerato un alimento dannoso!

        Rispondi
    • Daniele

      Se non sai di cosa stai parlando non esprimere commenti. Provalo e poi parlane, ne sarai entusiasta

      Rispondi
      • Diego Pilato

        Chi mi conosce mi dice che “se viene una guerra non morirò di fame”. Giustamente lo dice non perché ho soldi, ma perché mangio di tutto. Bene andiamo al dunque, alla prima occasione assaggerò questa prelibatezza sarda, il Casu Marzu.

        Rispondi
    • Lorenzo

      Io ho avuto la fortuna di mangiare questa chicca dell’arte gastronomica italiana , avevo 8 anni e ne rimasi esterrefatto da quanto lo trovai buono . Ora sto cercando di capire se potrei in qualche modo ritornare a gustare questa specialita’ in barba a assurdi divieti e tante idiozie.

      Rispondi
  4. Giampaolo Pagiotti

    Una bontà unica al mondo
    Che come sempre i nostri politici non sanno difendere
    Gli amici sardi spero riescano a far togliere questa dicitura stupida da uno dei tanti prodotti di eccellenza che ha più di 2000 anni

    Rispondi
  5. Cristina Mattioli

    Un amico sardo ce lo regalò quando ero una bambina. Lo assaggiai divertita e mi piacque.
    Oggi non so se riuscirei a superare il fattore “vermi” 😉

    Rispondi
    • Claudio

      Un sapore unico del quale non si può fare a meno. Per me è il viagra sardo.

      Rispondi
    • Foglia

      E’ troppo buono ! Si apre la bocca sopra il formaggio e il piccolli vermi ti salatno in bocca! Una meraviglia . Il formaggio è simile alla crema !

      Rispondi
  6. Giuseppe

    Non conosco quindi non giudico, ma se le persone che conosco il prodotto è gli piace sta a loro decidere

    Rispondi
  7. Paolo Lasio

    Su casu marzo l’ho mangiato da bambinio ,forse noi sardi siamo
    immunizati!!adesso penso che non lo mangerei più (i vermi,in generale,non sono tanto appetitosi et mia moglie (Belga) mi ha vietato dì portarne a casa .
    A si bidi a totus 😊

    Rispondi
  8. Malloci Gino

    chi capisce il prodotto nn può negare che e´unico .

    Rispondi
  9. Francesco

    Mi spiace solo che da parecchi anni non vado più in Sardegna ma ciò che mi portavo a casa era proprio questo delizioso formaggio,del pecorino chiamato dolce sardo e del casasau che anche se oggi si trova nei supermercati quello fatto i Sardegna è un’altra cosa

    Rispondi
  10. Pier Giorgio Delogu

    L’ultima forma di casu marzu l’ho mangiata a novembre scorso. Un sapore dimenticato e presto ricordato.

    Rispondi
  11. vincenzo

    Lo mangio da quando avevo 16 anni, ne ho 52 sto benissimo e se scrivo e’ perche’ non sono morto. Lo si accompagnava con una fetta di pane casereccio, un peperoncino sbriciolato e un bicchiere di rosso fermo roba da 17° 18° gradi non c’era migliore aperitivo o spuntino al mondo. Sapore unico intenso e inimitabile, non impressionatevi e’ inimitabile, da provare.

    Rispondi
  12. Nunzia

    Una persona che mangia un cibo.. consapevole che ci hanno sguazzato le mosche..che a loro volta hanno deposto delle uova ..e dopo tutto ciò è pure pieno di vermi vivi..beh..quella è una persona che è capace di tutto! Ma poi parliamo dei cinesi? Orrore allo stato puro!!

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri i nostri prodotti

Spediamo in tutto il mondo
direttamente a casa tua
dalla nostra bottega

Nessun intermediario
ricevi un unico ordine senza dover attendere spedizioni da più fornitori differenti

WhatsApp chat